venerdì, luglio 22, 2005

SPEDALIERE e AMATO

Adeso ho capito....
Mi chiedevo come mai Leopoldo Spedaliere, a lungo fedelisimo di S.Vozza e militante antico della sinistra del partito, fosse passato all'improvviso ai bassoliniani(è accaduto durante la recente campagna elettorale per le regionali).
Aveveva scoperto che Vozza non gli avrebbe mai consentito di realizzare il sogno di dirigere la Tess in quanto notoriamente geloso dei suoi compagni, allora è passato ai bassoliniani e Zac...Da ieri è il nuovo amministratore delegato della Tess.
Tutti si chiedevano come mai Antonio Amato, bassoliniano della prima ora, avesse abbandonato il governatore e fosse diventato un fedelissimo di Cesare Salvi.Lo abbiamo capito dopo che Salvi, assieme a Mussi e Napolitano, è stato tra i promotori dell'ordine del giorno(approvato all'unanimità- anche da Fassino) presentato al consiglio nazionale dei ds, contro gli sprechi e la mancanza di rigore nelle regioni amministrate dal centro sinistra e in Campania in particolare.
Essendo consigliere regionale Amato consceva bene quella politica e quindi si era rivolto a Salvi che ha avviato un 'offensiva politica per aiutarlo a risolvere il problema.
Poi, oggi, abbiamo letto le dichiarazioni dell'inneffabile consigliere contro Salvi e ci rendiamo conto che non era quello il motivo.

Ps. Ci dicono che nel frattempo Amato, da qualche mese,ha abbandonato Salvi e sta di nuovo con Bassolino!!!

12 commenti:

Anonimo ha detto...

Ragazzi quasi ci faccio un pensierino a diventare Bassoliniano, hai visto mai .....magari esce qualcosa finalmente anche per me?

f. martusciello

Norberto ha detto...

caro f.martusciello, non fare il modesto. Senza te e la tua augusta schiatta Antonio non avrebbe potuto divertirsi come sta facendo. E' ovvio, oltretutto, che qualcosa per te è uscito e uscirà... non temere! In Campania, come è dimostrato dai fatti, c'è pilu pe' tutti!

http://www.napolionline.org

fabio massimo "il temporeggiatore" ha detto...

Uno dei pochi(l'unico?) casi in Europa in cui il capo della maggioranza nomina il capo dell'opposizione e in cui il partito del capo fa l'opposizione al capo che viene difeso dal capo dell'opposizione!!!

Anonimo ha detto...

Beh...ormai è difficile distinguere gli uni dagli altri, la classe politica è diventata autoreferenziale e ovviamente pensa solo a"pararsi il c...." tanto il popolo bue segue rassegnato.
carino questo blog!
Peccato che ci sono pochi commenti.

Anonimo ha detto...

Secondo me ci sono pochi commenti perchè forse è poco conosciuto e anche perchè nella stragrande maggioranza dei casi Kent scrive cose assai condivisibili. Forse dovrebbe inviare i suoi post alla stampa!

Kit Carson ha detto...

No caro anonimo,
è che la cosidetta società civile, anche quella che frequenta la rete è lo specchio della classe politica e viceversa.

paolo ciccarelli ha detto...

si certo...poi noi votiamo ma anche volendo cambiare mi sapete spiegare qual'è l'alternativa? Voi parlate bene dai vostri salotti intellettuali , non avete certo il problema di come arrivare alla famosa quarta settimana, ma noi che laureati e magari con un master non riusciamo a trovare lavoro che possiamo fare? crediamo alle loro promesse e li votiamo sperando che ci "aiutino".Almeno finchè vincono!!!

francesca ha detto...

Io stimo solo Luisa Bossa, coerente, brava e donna!
L'unica che ha votato contro l'aumento indecente delle commissioni regionali.
Forza Luisa!!!!

Norberto ha detto...

MA IL BASSOLINISMO GODE ANCORA DI BUONA SALUTE?

[...] il cerchio si è chiuso: un esponente di punta della squadra di Bassolino, dopo significative esperienze prima al governo del Comune, poi a quello della Regione, passa alla segreteria della federazione provinciale dei Ds. Il passaggio successivo al ricambio per cooptazione è la fossilizzazione delle élite. È questa un’immagine che gli storici dell’età moderna usano, generalmente, per rappresentare il processo di chiusura oligarchica e di serrata aristocratica che investì le città italiane dopo i fasti del periodo comunale. Sta a indicare una fase di blocco di classe dirigente e di chiusura dei ranghi a difesa dell’esistente.È quanto sta capitando al gruppo dirigente dei diessini bassoliniani dopo la polemica sulla “questione morale” [...]

leggi tutto l'articolo

Anonimo ha detto...

haaaaaa finalmente un blog vero.
Temevo che la corte del "Basso" ormai ci costringesse a scrivere solo sul "SUO" blog. Blog? Ma l'avete mai letto?
E basta! Almeno lasciaci i blog!per poterci sfogare!

Anonimo ha detto...

Clark facci sognare! Parlaci di quelli di cui non si parla e che invece comandano sul serio!
Che so docenti universitari, grandi comunicatori, blogghisti ecc

Anonimo ha detto...

Che politico e uomo da quattro soldi questo antonio amato