mercoledì, luglio 20, 2005

Personaggi in cerca di autore !!

Per aiutare a comprendere la commedia in corso di svolgimento nel glorioso partito della sinistra napoletana occorre fare una schematica ma indispensabile carrellata dei protagonisti.
Tentiamo di farla,scusandoci in partenza se dimentichiamo qualcuno, presentandoli in rigoroso ordine alfabetico:
Antonio Amato
Bassoliniano della prima ora, eletto consigliere comunale nel 1993 diventa assessore all'edilizia della seconda giunta Bassolino,viene eletto consigliere regionale nel 2000 e rieletto nel 2005(mai con meno di 10.000 voti raccolti solo nella città di Napoli).E'attualmente capogruppo dei ds in Regione.
Guglielmo Allodi
Bassoliniano della prima ora, eletto giovanissimo in consiglio comunale abbandona Bassolino per approdare,dopo la "svolta" di Occhetto, ai dalemiani ed ai fassiniani nell'ultimo congresso del partito.Eletto consigiere regionale durante la giunta Rastrelli, da segretario regionale del partito,è tra i protagonisti della Giunta del "ribaltone".Alle elezioni del 2000 non viene rieletto ma due anni dopo viene premiato con l'assessorato alla Provincia di Napoli guidata da Lamberti. Alle elezioni provinciali del 2004 si "sacrifica" e si candida nel collegio di Pozzuoli dove viene sonoramente sconfitto ma viene "premiato" con la riconferma ad asessore nella nuova giunta DiPalma.
Bassolino
cosa aggiungere a quello che tutti sanno?
Francesco Barra
Eletto senatore coi socialisti alle successive elezioni non viene riconfermato, entra nei ds durante il lancio della "cosa due" con "i riformatori",la componente degli ex socialisti, aderisce alla corrente di Salvi di cui è attualmente il coordinatore,si presenta alle ultime elezioni regionali ma non viene eletto.
Diego Belliazzi
Nasce come membro della corrente di sinistra capeggiata da Salvatore Vozza, viene eletto consigliere provinciale alle elezioni del 1999, nel 2001 dopo una serie di veti incrociati verso altre proposte viene eletto,in rappresentanza della sinistra del partito che in alleanza con i bassoliniani nel frattempo aveva vinto il congresso provinciale, sgretario provinciale in sostituzione di Nicola Oddati. E' attualmente consigliere provinciale(rieletto non nel suo collegio di provenienza ma in quello di S.Giovanni dove per "fargli posto" viene sacrificato,in accordo con S.Vozza e M.Chessa, un dirigente storico della sinistra E.Monreale).Durante l'ultimo congresso nazionale abbandona la sinistra e passa con i bassoliniani, dopo un anno "si dimette" e passa la mano a M.F.Incostante.
Antonio Borriello
Bassoliniano della prima ora passa con la sinistra ingraiana durante la "svolta" di Occhetto,All'ultimo congresso nazionale abbandona la sinistra, passa con Bassolino e viene candidato alle ultime elezioni regionali ma non ce la fa. E'attualmente presidente della circoscrizione di S.Giovanni a Teduccio.
Andrea Cozzolino
Bassoliniano della prima ora, viene eletto segretario provinciale e regge per sei anni il partito napoletano. Eletto consigliere regionale nel 2000,fonda una "sua"componente "sinistra e mezzogiorno" che pian piano diviene la corrente di maggioranza del partito, nelle ultime elezioni regionali è il primo eletto dei ds alla regione, allarga la componente dei bassoliniani e domina incontrastato l'ultimo congresso provinciale candidando ed eleggendo segretario M.F:Incostante. E'attualmente, accanto a Montemarano, il più potente assessore regionale e considerato da tutti come il braccio destro e il delfino di Bassolino.
Marcello Chessa
Bassoliniano della prima ora passa con la sinistra del partito e viene candidato alla segreteria regionale contro Allodi ma viene sconfitto. Diviene, accanto a Vozza, il capo della corrente di sinistra e viene eletto consigliere regionale del 2000.Alle ultime elezioni regionali non viene riconfermato perchè"tradito" da S.Vozza e alcuni importanti "portatori di voti" della sua corrente.Attualmente non riveste alcuna carica.
E.Cardillo
Ex assessore socialista al comune di Napoli, ex segretario regionale della Uil, entra nei ds durante il congresso della "cosa due". Viene nominato assessore alla giunta Iervolino, fonda una sua corrente e "rompe" con i bassoliniani Oddati e Cozzolino, rifiuta la candidatura alle ultime elezioni regionali ed aspira ad un collegio alle prossime elezioni politiche.
Samuele Ciambriello
Ex prete aderisce ai ds ed entra a far parte dei bassoliniani e poi passa con la sinistra del partito. Viene eletto consigliere regionale durante la giunta Rastrelli ed è protagonista assieme ad altri della famosa Giunta del "ribaltone". Si ripresenta nel 2000 ma non viene rieletto, abbandona la sinistra e aderisce alla corrente di Salvi, attualmente è presidente del Corecom.
Aldo Cennamo
Occhettiano della prima ora, attualmente a capo degli ulivisti del partito è stato capogruppo regionale e più volte ed attualmente deputato. Aspira ad una riconferma alle prossime elezioni politiche.
Nino Daniele
occhettiano della prima ora milita nella corrente degli ulivisti.Lunga milizia nelle istituzioni comunali e regionali, uno dei protagonisti del"ribaltone", ex capogruppo alla regione e attualmente sindaco di Ercolano, aspira ad un collegio alle prossime elezioni politiche.
Antonio Giordano
Membro della sinistra si distingue come uno dei più ferrei oppositori interni di Bassolino. A lungo presidente di circoscrizione, poi consigliere provinciale dove ha ricoperto anche la carica di capogruppo, assessore provinciale con la giunta Lamberti, All'ultimo congresso nazionale ha abbandonato la sinistra per passare armi e bagagli ai bassoliniani. E' attualmente coordinatore della segreteria del gruppo regionale.
Berardo Impegno
Proveniente dalla "sinistra universitaria" e occhettiano di ferro fu capogruppo al comune negli anni ottanta, potente segretario provinciale e deputato nazionale eletto con decine di migliaia di voti.Travolto, durante tangentopoli, da disavventure giudiziarie per anni non ha parteipato alla vita dei ds.Tornato poco prima delle sorse elezioni comunali ha candidato ed eletto consigliere comunale con migliaia di voti il figlio.Eletto membro della direzione nazionale, fa parte ed è leader in campania della corrente "libertà eguale". Aspira ad un collegio alle prossime elezioni politiche.
Maria Fortuna Incostante
Bassoliniana della prima ora, ha una lunghissima esperienza istituzionale alla spalle, più volte consigliera provinciale, dopo una sfortunata sfida elettorale contro la Mussolini, viene nominata assessore comunale con Bassolino, assessore regionale uscente viene eletta segretario provinciale all'ultimo congresso, come candidata della maggioranza Bassoliniana.
Filippo Lucignano
Di origine "riformista" aderisce alla corrente di sinistra durante la "svolta" occhettiana. Viene eletto consigliere regionale nella legislatura Rastrelli,è tra i protagonisti del "ribaltone" e diventa assessore al bilancio della regione. Abbandona la sinistra e passa coi dalemiani,si ripresenta nel 2000 ma non viene rieletto.Ci riprova alle ultime elezioni regionali ma viene sconfitto malamente. E'attualmente presidente del consiglio al comune di Pozzuoli.
Giovanna Martano
Membro della sinistra del partito è stata consigliera provinciale ed è attualmente assessore della giunta DiPalma. Nell'ultimo congresso provinciale ha tentato inutilmente di favorire l'elezione a segretario di Gennaro Mola e di Allodi vicepresidente della giunta priovinciale, ma l'arroccamento dei Bassoliniani che hanno deciso di eleggere M.F.Incostante ha mandato all'aria tutto. Aspira ad un seggio in parlamento.
Gennaro Mola
Elemento di punta della corrente fassiniana è stato consigliere regionale e tra i protagonisti del "ribaltone", non rieletto alle successive elezioni regionali. E' attualmente membro della segreteria provinciale uscente ed è stato a lungo in pole position per la successione a Belliazzi.Aspira ad un collegio alle prossime elezioni politiche.
Nicola Oddati
Bassoliniano della prima ora ma di origini dalemiane succede a Cozzolino alla segreteria provinciale del partito. Alle ultime elezioni amministrative viene eletto consigliere comunale e nominato assessore alla giunta Iervolino, regge a lungo l'assessorato al turismo e al lavoro, da poco tempo regge l'assessorato alla mobilità ed è coordinatore della delegazione ds in giunta. Aspira alla carica di vicesindaco di napoli nella prossima legislatura o ad un collegio elettorale.
Massimo Paolucci
Membro della sinistra del partito è stato a lungo un fedelissimo di S.Vozza.Eletto consigliere comunale viene nominato assessore al traffico nella seconda giunta bassolino. Quando Bassolino diventa governatore viene nominato subcommissario ai rifiuti e gestisce da protagonista le varie emergenze e lo smaltimento dei rifiuti in Campania.All'ultimo congresso abbandona la sinistra e passa ufficialmente coi bassoliniani.E'attualmente capo dello staff di A.Bassolino.
Leopoldo Spedaliere
Membro della sinistra del partito è stato a lungo sindaco di Portici e fedelissimo di S.Vozza.Alle ultime elezioni regionali ha provato in tutti i modi ad essere candidato alle regionali ma Vozza gli ha preferito M.Chessa. Ha abbandonato la sinistra ed è approdato ai bassoliniani. Aspira a prendre il posto di Vozza alla Tess.
Salvatore Vozza
Capo incontrastato della corrente di sinistra del partito. Una lunga e luminosa carriera istituzionele, provincia, parlamento, segretario del partito, membro della direzione nazionale. Alle ultime elezioni politiche viene sconfitto, viene nominato amministratore delegato della Tess. Personaggio autorevole e politico di rango ha sempre sofferto la personalità e il carisma di A.Bassolino ma a differenza di De Luca a Salerno non è mai sceso in campo apertamente contro il governatore, preferendo di volta in volta accordarcisi più o meno palesemente.Da qualche anno la sua stella è in declino e all'ultimo congresso del partito è rimasto a capeggiare una corrente di pochi intimi, passando da percentuali attorno al 40 per cento degli anni d'oro ad un misero 10 per cento attuale. Attualmente è sindaco di Castellammare di Stabia.

La coorente di maggioranza che ha candidato ed eletto Maria Fortuna Incostante segretatrio provinciale comprende,tra gli altri,A.Cozzolino, N.Oddati,E. Cardillo,F.Lucignano, A.Giordano, M.Paolucci e A.Amato.
Ha votato a favore anche B.Impegno.

11 commenti:

Anonimo ha detto...

sei un diessino pentito o un diessino trombato?

clark kent ha detto...

sono uno libero.

clark kent ha detto...

e non sono iscritto ad alcun partito

Jordi ha detto...

blog interessante....

fabio massimo"il temporeggiatore" ha detto...

beh...non è che adesso sia tutto molto più chiaro!! cos'è il giuoco dei Quattro Cantoni? e della "questione morale" denunciata da Salvi e Mussi non ne hanno parlato?

Anonimo ha detto...

Capisco le scuse preventive. Ma, visto che citi personaggi che contano quanto Di Giovanni VII piano nel suo condominio, perché non citi proprio Antonio Marciano?
Dimenticanza o qualche forma di rancore?

Anonimo ha detto...

beh....che dire?
Non conosco bene questi protagonisti ma, a leggere quello che c'è scritto qui, salta agli occhi che i protagonisti del "ribaltone" non hanno avuto poi una splendida carriera! A parte il "premiato" Allodi.

Anonimo ha detto...

Perchè non affidano il partito dei ds a De Luca di Salerno?
lui si che glie le canta!!!

un "bassoliniano" ha detto...

eeeh...vabbuò!!!

il professor "ci ho ancora un pò di cervello" ha detto...

Ma vi siete mai chiesti perchè Bassolino vince da oltre 12 anni?
Vi siete mai chiesti come mai da quando Bassolino fu eletto sindaco per la prima volta dopo, in tutte le elezioni amministrative importanti il Polo presenta solo cdandidati deboli o "in ritardo"?
Vi siete mai chiesti come mai sul problema dei rifiuti nè l'opposizione locale nè il governo nazionale ha attaccato Bassolino?
e potrei continuare.
SCIETATEVE...!!!!!

Anonimo ha detto...

Il professor?????
Non alluderai mica all'eminenza grigia? Lui l'antipaticissimo perverso "sottile" partenopeo?